Pubblicato da: Isi | 2 febbraio 2014

Gli “intellettuali”

Il 2013 mi ha portato un regalo bellissimo: conoscere di persona Lidia Menapace, con cui stiamo lavorando a un documentario sulla storia delle donne. E caspita, siamo a un altro livello di pensiero. Autentica e coerente con sé stessa, parla senza timore del giudizio altrui. Arzilla nonostante i suoi quasi 90 anni. Incredibilmente VIVA. Per il 2014, voglio incrociare il cammino di persone così. Questo è il trailer del documentario sulla sua vita (il link al documentario completo invece è questo)

Uscire dalle gabbie di pensiero è difficileEssere “intellettuali” per me vuol dire essere autentici. Ma se si vuole essere autentici bisogna accettare anche i paradossi del pensiero, propri e della cultura che ci circonda. E dopo averli accettati, cercare di capire cosa c’è dietro. In pochi lo fanno, ed in effetti gli intellettuali, numericamente, sono sempre stati scarsi.

Invece mi pare che oggi di “intellettuali” siamo pieni. Che sbucano, parlano, opininano, ma sempre ragionando per etichette e categorie. Il contrario del pensiero libero.

Nello specifico il 2014 per ora mi ha portato tutt’altro: un commento su facebook, con conseguente commento al commento. Del classico 40enne, livello di istruzione medio alta, e che, evidentemente, si sente sempre un passo avanti gli altri. Mamma che FATICA. L’aggiornamento era sulla giornata della memoria, che dovrebbe ricordare, secondo me, tutti i genocidi (passati presenti attuali) e non solo uno. E per me anche quello che succede in Palestina oggi per mano degli israeliani, è da ricordare in questo contesto. Perché quando di fatto impedisci alle persone che appartengono a un popolo di vivere secondo me è genocidio. Punto.

Ovviamente per la persona in questione il punto era dimostrare la sua presunta superiorità intellettuale, banalizzando qualsiasi discussione e ingabbiarla in idee preconcette. Non è la prima volta né sarà l’ultima. Ancora devo mettere a fuoco come gestirle, queste persone. In genere, o ci litigo o le ignoro. Ci sarà una terza via? Se qualcuno ci è già passato si accettano suggerimenti 🙂

Annunci

Responses

  1. Qui in provincia Lidia Menapace la conosciamo bene, ed anche il suo operato. Pur non condividendo completamente la sua linea politica, riconosco che è una voce importante e soprattutto onesta specie nel campo femminile.

  2. Ciao! Hai ragione, Lidia ha una linea politica che si può condividere oppure no…super d’accordo. è comunque una voce AUTENTICA, e questo lo apprezzo moltissimo 🙂

  3. […] con cui ho iniziato una nuova collaborazione. Prosegue poi il discorso del libro. Ma anche del documentario. In mezzo al corso di coaching (e alla pratica, che devo capire come farla). E alle formazioni (non […]


Vuoi dirmi qualcosa?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: