Pubblicato da: Isi | 27 maggio 2014

Trento mi stupisce, davvero.

Sono nata a Trento. Poi me ne sono andata.

Se hai 19 anni Trento difficilmente può bastare, e, nel mio caso, neanche piacere più di tanto. Piccola, provinciale, dove non succede assolutamente nulla. Dove i bar chiudono presto perché sennò i vicini si lamentano (e infatti, 15 anni dopo, durante l’inverno in centro storico alle 21 ti mancano solo le balle di fieno che ti rotolano a fianco: non un’anima viva). Dove mamma Provincia regolamenta praticamente tutto, nel bene e nel male – e quando dico “tutto”, intendo veramente “tutto”, compreso lo spazio in comodato d’uso al Centro Sociale, i-rivoluzionari-de-noantri-hasta-la-victoria-siempre!

Me ne sono andata, e sono tornata un decennio dopo: avevo la sensazione di essere stata ingiusta, che forse non avevo dato a Trento la possibilità di mostrarmi anche i suoi lati migliori. Sì, sono arrogante, è la città che deve dimostrare qualcosa a me, e non viceversa. Comunque non era che li vedessi, questi lati positivi. Diciamo che ci ho messo un po’ a trovarli. Ma devo dire che una volta iniziato, questa città non smette mai di stupirmi.

Non mi lancerò in una lode sperticata. Ho gli amici di una vita, che sono la mia seconda famiglia. Quelli che ti capisci con un’occhiata, e una mezza parola smozzicata in dialetto. Le montagne, anche se a me in realtà piace il mare. E ogni volta – ma ti giuro, ogni santa volta – che decido di fare un qualcosa che secondo me a Trento non c’è

PUFFFQuesta cosa appare

Vedi l’immagine qui a fianco: da un annetto a questa parte sto prendendo lezioni private di canto moderno, con una persona che oltre ad essere brava, ha un curriculum della madonna – il suo sito è questo.

Poi mi sono detta: sarebbe bello trovare un coro, o qualcosa che abbia a che fare con i musical. Io amo i musical. Ma googlando qua e là non trovavo niente.

E poi, come per magia, da un contatto facebook, quest’immagine a fianco. Amore a prima vista, ho scritto subito e inizio appena posso – non questo sabato, ma il prossimo. E non vedo l’ora!

Amo queste sorprese inaspettate. Mi mettono allegria, mi fanno pensare che tutto è possibile, che non dipende da dove sei ma da con chi sei e dai legami che crei.

Annunci

Responses

  1. Sono bolzanina e a Trento vado spesso. Ho amici là che frequento. Poi anche mia madre era Trentina. Una città che da bambina non mi piaceva affatto: la ricordo piena di seminaristi e preti… Adesso, da adulta (tanto adulta 🙂 ) mi piace molto di più, anche perché hanno valorizzato molto la zona centrale .
    Un saluto
    Loredana

  2. Ciao Loredana! Idem, anch’io adesso la apprezzo tanto…soprattutto le sue contraddizioni, che poi sono quello che la rendono speciale! 🙂


Vuoi dirmi qualcosa?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: